Niente soldi, niente sport

Calcetto

Calcetto

Alzi la mano chi ha smesso di giocare a calcetto perché non ha più soldi? Consolatevi, non siete soli. In Toscana sono 3.832 gli iscritti alla Uisp tra i 15 e i 39 anni che non hanno rinnovato la tessera. Problemi economici, che li faranno invecchiare peggio.

Continua a leggere

Annunci

Un appello per La Russa a “Chi l’ha visto?”

La Russa a "Chi l'ha visto?"

Un soldato della Folgore è stato gravemente ferito da un pacco bomba a Livorno, e il ministro La Russa non è andato a trovarli. Due carabinieri sono stati pestati a Grosseto da un gruppo di ragazzini e il ministro non si è visto. Sarà la Toscana rossa a spaventare Ignazio, o usa  l’elicottero solo per le partite dell’Inter? Continua a leggere

Assessori pret-à-porter

Italia dei Valori

Italia dei Valori

L’idvina (si dice così?) Cristina Scaletti, eletta al Comune di Firenze nel giugno 2009 e subito scelta come assessore, si è candidata dopo 9 mesi alla regione ed è diventata assessore regionale. E il suo compagno di partito Fedeli ha fatto altrettanto. Ma in politica cosa si realizza in nove mesi?

A dir la verità della Scaletti si è sentito parlare nel 2009 come candidata alle Europee, dove non è stata eletta, ma è entrata con un ottimo risultato a Firenze. Le aspettative erano tante per questa dottoressa, finita nell’assessorato all’ambiente. In realtà in nove mesi non ha fatto poi tantissimo. E cosa ci si aspettava? In soli nove mesi…

Elenco quello uscito sui giornali. Ha stilato e fatto approvare le linee guida per contenere l’inquinamento, e entro giugno 2010 doveva dire come metterli in pratica. Lo farà, forse, un altro. Forse. Ha inaugurato un (o due?) giardino dedicato a Paolo Borsellino e alla sua scorta. Ha giustamente litigato col sindaco Renzi per chiedere un ticket per chi entra con l’auto a Firenze. Forse l’idea era criticabile, ma sembrava l’inizio di una discussione seria. Invece, è finita lì.  Che dire, il suo rapporto col sindaco è stato subito di scontro, e questo l’ha spinta ad andarsene. Ma la politica non era impegno per realizzare un progetto, un sogno?

D’altronde come lei, e forse anche peggio, ha fatto l’assessore Fedeli (sempre IdV) della provincia di Firenze, che dopo nove mesi si è fatto eleggere in regione e ha detto byebye.

Una conferma che, come dicono in tanti, l’IdV è un partito di opinione e non di amministrazione? Forse. Che non ha altri uomini da candidare alle varie elezioni? Forse. Che ha un’idea della politica basata sulle persone più che sui progetti? Forse.

Visto che l’assessore Scaletti è su Facebook, spero davvero che mi dia la sua motivazione.

I concorsi, noiosissimi intoppi (se non sono di bellezza)

Un concorso, non di bellezza

105 precari, tutti a casa con la fine della legislatura regionale toscana. Storie tristi, tanto da averne chiesta la stabilizzazione. Peccato che si tratti di dipendenti delle segreterie dei consiglieri e gruppi regionali, non della Regione stessa. E poi, per entrare in Regione, non serviva un concorso?

Oggi la Nazione ne riportava la notizia, raccontando la storia di uno di loro, un dipendente dei Verdi. Che, essendo il gruppo scomparso, non avrà più lavoro.

Precisiamo: ho anche un amico tra questi, una persona splendida, molto in gamba. E non è un buon momento per perdere il lavoro. Ma non l’ho mai sentito dire: “speriamo che mi prendano fisso in Regione”. Anche perché non lavora per la Regione, ma alla Regione, per un assessore.

Ci sono i concorsi per entrare negli enti pubblici. Quelli che li hanno vinti cosa sono, più scemi? No, ma solo se sono concorsi di bellezza

Meglio legarsi a un politico, farci qualche anno e poi farsi stabilizzare per aggirare i concorsi? Per fortuna nessuno ha preso in considerazione la proposta. Tranne la Nazione (che, secondo me, voleva fare un favore a uno di questi, magari una fonte, che resta senza lavoro).